CONTRAPPESO


opera proposta per il progetto MAP

www.map-project.com

VOGLIO SOLTANTO ESSERE AMATO
Progetto a cura di MAP, Sviluppo curatoriale di Gabi Scardi e Ruth Cats.
*26 novembre 2011 – 5 febbraio 2012, MAGA Museo Arte Gallarate (VA).
* 18 febbraio 2012 - 8 aprile 2012, EX3 - Centro per l'arte contemporanea, Firenze.

Il nuovo progetto ideato da Map rivolto alla sperimentazione di un concetto curatoriale interdisciplinare che coinvolga tutte le competenze dei suoi membri.
Il dialogo creativo è concepito intorno a un forum online che si propone come piattaforma di discussione riservata al board di Map: tramite uno scambio diretto tra le diverse professionalità viene individuata la tematica più interessante da sviluppare e i relativi artisti da coinvolgere con un procedimento di votazione online.

“Voglio soltanto essere amato” a cura di Gabi Scardi


Prendere un attimo, il momento in cui l’amore per un altro sospende il tempo e fa sentir vivi, potenti e fragili assieme; fermare nell’immaginazione una scena di cui vorremmo "salvare" quello che provavamo.

Riprendendo una specifica tipologia di Voti, praticata nel Medio Evo e conosciuta sotto il nome di "contrepoisage" (l’offerta ad un Santo di un blocco informe di cera del peso corrispondente al neonato per ottenerne la guarigione), voterò per voi e per sempre quel momento, trasportando il peso dell’amore –l’equivalente del peso della persona– in blocco di cera da sospendere al soffitto; la storia raccontata sarà tradotta in un piccolo quadretto da mettere a muro (nella fotografia presentata un esempio).


--

Il progetto rielabora una specifica tipologia di Voti, praticata nel Medio Evo, e conosciuta sotto il nome di contrepoisage: l’offerta ad un Santo di un blocco informe di cera del peso corrispondente all’infermo per ottenerne la guarigione.
Si tratta della pratica poco nota della misurazione del peso dei neonati che si volevano salvare da una malattia, o dei quali si presumeva, dato l’aspetto cagionevole, un futuro incerto*.
*
Charuty G., 1992, «Le voeu de vivre. Corps morcelés, corps sans âme dans les pèlerinages portugais», Terrain, n° 18, pp. 46-60.

INSTALLAZIONE
Blocchi in cera del peso corrispondente all’offerente
(colui che racconta la storia d’amore) legati al soffittosoffitto con una corda.
Sul muro -in corrispondenza- la storia d’amore (tipo ex voto pittorico).
Il titolo, che rende riconoscibile e lega la scultura al racconto, sarà quello corrispondente al peso corporeo dell’offerente.